Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
non viaggio abbastanza

Saba, la regina incontaminata dei Caraibi

Se state per organizzare un viaggio ai caraibi, nelle piccole antille, non fatevi sfuggire l'occasione di visitare l'isola di Saba. E' la più piccola tra le isole dei caraibi olandesi, ma con il vulcano inattivo Mount Scenery, di ben 862 mt, rappresenta il punto più alto dei Paesi Bassi. E' davvero strano pensare che isole tanto vicine tra loro, come Saint Martin / Sint Maarten, Anguilla e Saba, siano così diverse. A Saba, ad esempio, non esistono spiagge naturali, anche se recentemente ne è presente una artificiale con la sabbia trasportata da Saint Martin / Sint Maarten. Saba è il luogo ideale per fare immersioni, oppure trekking fino in cima al vulcano, ammirando la natura e lo splendido paesaggio circostante. E' un'isola poco turistica e questo la rende davvero incontaminata e genuina. 

 

Saba, la regina incontaminata dei Caraibi
Saba, la regina incontaminata dei Caraibi

Come raggiungere Saba

A Saba conviene dedicare un'intera giornata, per poterla esplorare al meglio. Non è necessario, a mio avviso, pernottare lì; è la meta ideale per una gita di un giorno dalla vicina isola di Saint Martin / Sint Maarten.

L'avventuroso viaggio in aereo per raggiungere l'isola di Saba da Saint Martin / Sint Maarten dura 12 minuti ed è già parte integrante della gita. Dai finestrini del minuscolo velivolo che vi porterà a destinazione ammirerete splendidi paesaggi. Se riuscite a sedervi in prima fila, quindi appena dietro i piloti, potrete godervi il panorama dalla visuale frontale e vedrete la sagoma dell'isola di Saba delinearsi davanti a voi, fino a scorgere la minuscola pista di atterraggio ricavata ai piedi del vulcano. Con i suoi 396 mt è considerata la pista aeroportuale più corta del mondo. Per questo motivo, e per la mancanza di torre di controllo e di riserve di carburante, il Juancho E. Yrausquin è considerato anche uno degli aeroporti più pericolosi al mondo, benchè non si siano mai verificati gravi incidenti. E' ufficialmento chiuso al traffico aereo, ma con il benestare delle autorità locali, la compagnia WinAir propone voli giornalieri per Saba provenienti dalle vicine isole di Saint Martin / Sint Maarten e Sint Eustatius. Se il rocambolesco viaggio non vi spaventa, arrivati a destinazione potrete godervi la natura e i paesaggi mozzafiato che Saba ha da offrire.

 

 

La pista dell'aeroporto di Saba, considerata la più corta del mondo

La pista dell'aeroporto di Saba, considerata la più corta del mondo

La sequenza dell'atterragio a Saba
La sequenza dell'atterragio a Saba
La sequenza dell'atterragio a Saba
La sequenza dell'atterragio a Saba

La sequenza dell'atterragio a Saba

Saba, la regina incontaminata dei Caraibi
Saba, la regina incontaminata dei Caraibi

Cosa fare a Saba - Cosa vedere a Saba

Una volta arrivati a Saba, appena usciti dalla piccola aerostazione, accordatevi con uno degli abitanti dell'isola che vi proporrà un giro a bordo della propria auto. Attraverso The Road, l'unica strada presente sull'isola, vi spiegherà tutto quello che c'è da sapere e vi mostrerà la graziosa capitale, The Bottom, e il villaggio di Windwardside, che conta alcune pittoresche chiese, qualche negozio di souvenir e un paio di locali dove rifocillarsi.

La vera attrazione di Saba è il Mount Scenery. E' possibile arrivare in cima attraverso un percorso trekking abbastanza faticoso, ma fattibile da chiunque sia in buona forma fisica. A meno che non siate dei veri appassionati di trekking, partite da Windwardside anzichè da The Bottom, accorcerete la strada ma non vi perderete la parte più scenografica (da Windwardside, sono necessari circa 90 minuti per salire, 60 per scendere). Il sentiero si snoda attraverso la giungla composta da splendide piante e fiori tropicali. La cima è quasi sempre circondata da nubi, ma vale la pena conquistare la vetta per godere del panorama mozzafiato. Se la giornata lo consente, è possibile avvistare le isole circostanti di Sint Eustatius St. Kitts.

Vicino all'aeroporto, sono presenti le cosidette pozze di marea, piccole piscine naturali che si formano tra le scure rocce vulcaniche. Un paesaggio decisamente inusuale, vale la pena dedicarvi un'oretta per una breve esplorazione, prima di affrontare il viaggio di ritorno.

 

Verso la vetta

Verso la vetta

Il cima al vulcano Mount Scenery, fin sopra le nuvole
Il cima al vulcano Mount Scenery, fin sopra le nuvole
Il cima al vulcano Mount Scenery, fin sopra le nuvole
Il cima al vulcano Mount Scenery, fin sopra le nuvole

Il cima al vulcano Mount Scenery, fin sopra le nuvole

La spiaggia artificiale di Saba

La spiaggia artificiale di Saba

Condividi post

Repost 0

Commenta il post

philae 12/16/2014 18:20

grandiose