Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
non viaggio abbastanza

Zanzibar - cosa vedere

Zanzibar - cosa vedere

Dopo avervi parlato di come organizzare in modo autonomo un viaggio a Zanzibar, ecco arrivato il momento di scoprire quali sono le sue bellezze e le esperienze che si possono vivere su quest'isola meravigliosa. 

Ovviamente il mare è l'elemento che regala le emozioni più intense, anche solo a guardarlo. i suoi colori sono incredibili ed è impossibile non desiderare di corrergli incontro e tuffarsi in acqua.

Ecco qui alcune cose da vedere o da fare a Zanzibar, prendete nota!

Nungwi - Zanzibar

Nungwi - Zanzibar

La spiaggia di Nungwi

Nel mio post precedente consigliavo di soggiornare a Nungwi, per varie ragioni (leggete qui se siete curiosi!). Ma anche se avete deciso di dormire da un'altra parte vale comunque la pena passarvi una giornata per trascorrere ore e ore in acqua senza preoccuparsi che il mare si ritiri a causa della bassa marea. Inoltre a Nungwi è possibile fare lunghe passeggiate sul bagnasciuga senza mai annoiarsi. Andando in direzione sud si può raggiungere la spiaggia di Kendwa, uno splendido arenile soffice e bianco come il latte lambito da splendide acque turchesi. E' il punto in cui si concentrano maggiormente i grandi villaggi vacanze, per lo più italiani, ma se volete potete fermarvi a fare il bagno dove volete, la spiaggia è enorme e c'è molto spazio. 

Se andate verso nord invece l'orizzonte inizierà ad essere punteggiato da piccole imbarcazioni di legno, i tipici dohw, che proprio qui a Nungwi vengono costruiti ogni giorno da mani esperte.

Kendwa - Zanzibar

Kendwa - Zanzibar

I dohw a Nungwi - Zanzibar

I dohw a Nungwi - Zanzibar

Proseguendo lungo la spiaggia si raggiunge il Nungwi Mnarani Aquarium, una laguna che ospita diverse tartarughe marine. Questo luogo nasce con l'intento di proteggere le tartarughe dai predatori, ripopolare la specie e curare gli animali feriti. Vengono inoltre monitorati gli esemplari appena nati nei loro primi mesi di vita e ogni anno a febbraio c'è il Relase Day, il giorno in cui i piccoli vengono liberati in mare. Se viaggiate con dei bambini vale la pena visitare questo centro, un appassionato volontario vi spiegherà tutto ciò che c'è da sapere riguardo la vita delle tartarughe. 

Ingresso 5$ a persona 

Una tartaruga del Nungwi Mnarani Aquarium - Zanzibar

Una tartaruga del Nungwi Mnarani Aquarium - Zanzibar

Inoltre a Nungwi è possibile ammirare uno spettacolare tramonto che ogni sera trasforma il cielo in un tetto dalle infinite sfumature di rosa, arancio, giallo e oro.

Tramonto di Zanzibar

Tramonto di Zanzibar

Snorkeling a Mnemba

Ovunque voi siate a Zanzibar verrete "tartassati" (passatemi il termine!) dai beach boys, i ragazzi che organizzano le escursioni in tutta l'isola. Lo snorkeling a Mnemba è una delle più gettonate, fattibile in mezza giornata da Nungwi, un po' di più se partite da un altro punto dell'isola. Salirete con un gruppo di altre persone (15-20 massimo) a bordo di un dohw che vi porterà al largo di questa piccola e paradisiaca isola circondata da una discreta barriera corallina. L'isola è di proprietà privata e per questo motivo non si può, sfortunatamente, arrivare alla spiaggia che è esclusivamente a disposizione dei facoltosi ospiti del resort super lusso nascosto tra gli alberi.

Si ha a disposizione un paio di ore per nuotare con i pesci colorati ed eventualmente (come abbiamo fatto noi!) per fare la gara di tuffi dal tetto della barca, dopodiché viene servito il pranzo che nel nostro caso consisteva in un grande tonno fatto cuocere alla griglia direttamente nel dohw, con zenzero, verdure fresche, riso e chapati (squisito pane tradizionale indiano simile ad una tortilla, comunemente preparato a Zanzibar).

Piccolo video con i tuffi dal Dohw!

Jozani Forest

Allontaniamoci per un attimo dalla costa per esplorare un angolo verde che fa da casa a centinaia di scimmie dall'aria impertinente che passano tutto il tempo a masticare bacche in cima agli alberi, osservando quello che accade intorno a loro o saltando agilmente da un ramo all'altro. Si tratta della Scimmia Rossa di Zanzibar, esemplare che esiste solo qui dal caratteristico pelo fulvo.

Per raggiungere la Jozani Forest prendete un taxi e fatevi portare all'ingresso dove troverete una guida che vi accompagnerà a fare un giro nella foresta spiegandovi le abitudini degli animali e raccontandovi curiosità sulla loro vita. E' meglio programmare la visita al mattino presto o nella seconda parte del pomeriggio, in questo modo si posso evitare gli orari di punta e avere più chances di vedere da vicino le scimmie.  

Ingresso: 10$ a persona

Una scimmia rossa alla Jozani Forest - Zanzibar

Una scimmia rossa alla Jozani Forest - Zanzibar

Pranzare al ristorante The Rock

Questo è indubbiamente uno dei ristoranti più insoliti in cui sia mai stata. La particolarità del The Rock sta nel punto in cui è costruito: sopra una roccia in mezzo al mare. Come probabilmente sapete già, a Zanzibar è molto sviluppato il fenomeno delle maree, pertanto se una volta arrivati a Michamvi, la spiaggia antistante il ristorante, ci sarà la bassa marea potrete raggiungere la roccia a piedi, altrimenti ci sarà ad aspettarvi una piccola imbarcazione in legno che vi porterà all'ingresso. Il lato posteriore della roccia su cui è ubicato il ristorante nasconde una meravigliosa terrazza circondata dal mare in cui viene servito l'aperitivo. Il panorama è da favola. La qualità del cibo è eccellente e credetemi, farete davvero fatica ad andare via da lì.

Prezzi: 30-50$ a persona, prenotate con qualche giorno di anticipo.

The Rock restaurant - Zanzibar
The Rock restaurant - Zanzibar

The Rock restaurant - Zanzibar

Passeggiare nel mare con la bassa marea

Come vi dicevo, a Zanzibar è molto accentuato il fenomeno delle maree. Alcuni lo considerano una seccatura, data l'impossibilità di nuotare se non dopo aver camminato a lungo, mentre altri lo ritengono un fenomeno molto affascinante.

Anche se ho scelto di soggiornare a Nungwi, unica spiaggia che non risente di tale fenomeno, perché amo passare le ore in acqua e nuotare, credo che valga assolutamente la pena trascorrere una giornata ad esplorare i fondali emersi quando il mare si ritira, osservando stelle marine, piccoli pesci, granchi e piantagioni di alghe.

Una spiaggia ampia e molto bella, perfetta per osservare questo fenomeno è Matemwe, sul versante nord orientale dell'isola. Lì si trovano anche numerose piantagioni di alghe, che rappresentano la seconda fonte di guadagno dell'isola dopo il turismo. Potrete vedere le donne al lavoro che si occupano di raccoglierle ed osservare da vicino le piantagioni, messe in fila come piccoli vitigni immersi nell'acqua bassa del mare.

Una piantagione di alghe a Matemwe - Zanzibar

Una piantagione di alghe a Matemwe - Zanzibar

Alcune donne raccolgono alghe a Matemwe - Zanzibar

Alcune donne raccolgono alghe a Matemwe - Zanzibar

Stone Town 

La parte vecchia di Zanzibar Town, Stone Town, porta segni multietnici nella sua singolare architettura caratterizzata da elementi persiani, arabi, indiani ed europei. Nel labirinto di vicoli e stradine si possono ammirare edifici i cui elementi in legno, come i balconi e i grandi portoni, sono intagliati e decorati a regola d’arte. Purtroppo tale splendore necessiterebbe di un mirato intervento di ristrutturazione, poiché diversi edifici del centro risultano polverosi e fatiscenti. In ogni caso è piacevole passare qui una mezza giornata per curiosare nei vicoli e comprare qualche souvenir; c’è una bella atmosfera e sembrano tutti indaffarati e felici.

Sul lungomare si nota immediatamente l'Old Fort, il forte un tempo utilizzato come carcere e che oggi rappresenta un luogo di ritrovo per artisti e artigiani. Poco distante si trova il Palazzo delle Meraviglie, sontuoso edificio che ospita un museo sulla storia e la cultura locale. La costruzione e le porte intagliate al suo interno meritano da sole una visita. 

Perdersi nei vicoli di Stone Town è tuttavia il miglior modo per esplorare la città. Per curiosare tra vecchie botteghe artigiane nascoste tra i numerosi negozi di souvenir cercate Gizenga Street (qui ho adorato i sandali in cuoio fatti a mano di Surti & Sons).

Inoltre, come molti di voi già sapranno, a Zanzibar nasce nel 1946 Freddie Mercury ed è possibile vedere la casa in cui è vissuto nei primi anni di vita. Se ve lo state chiedendo, Mercury nasce a Zanzibar perché all'epoca il padre si dovette trasferire a Stone Town, un tempo colonia britannica, a causa del suo lavoro. L'edificio non ha nulla di particolare, c'è solo una targa con il suo nome, ma se siete anche solo un pochino suoi fan, è comunque una piccola emozione!

Stone Town - Zanzibar

Stone Town - Zanzibar

Palazzo delle Meraviglie - Zanzibar

Palazzo delle Meraviglie - Zanzibar

La casa natale di Freddie Mercury a Stone Town - Zanzibar

La casa natale di Freddie Mercury a Stone Town - Zanzibar

Prison Island

Dal tratto di mare di fronte al Palazzo delle Meraviglie partono piccole imbarcazioni che portano a Prison Island, isola famosa per ospitare una colonia di testuggini giganti portate qui dalle Seychelles. La riserva in cui vivono è sempre affollata di turisti ma le tartarughe sono molte e non farete fatica a trovarne una che mastica insalata tutta sola in modo che possiate accarezzare la sua pelle dura e rugosa. La più vecchia che abbiamo trovato quando siamo andati noi aveva ben 192 anni! L'isola dispone anche di una piccola spiaggetta ed è possibile fare il bagno prima di ritornare a bordo della barca che vi riporterà a Stone Town.

Una tartaruga di Prison Island - Zanzibar

Una tartaruga di Prison Island - Zanzibar

Condividi post

Repost 0

Commenta il post

audrey 02/27/2016 18:24

andare al The Rock è nella mia WL!
come sempre bellissime foto

non viaggio abbastanza 02/27/2016 18:32

Grazie di cuore!
Andare al The Rock è stata una bellissima esperienza, spero tu riesca ad andarci presto ;-)
Un abbraccio

Sicania 02/17/2016 19:44

Ottimi consigli e foto eccezionali!

non viaggio abbastanza 02/18/2016 00:24

Grazie mille! <3