non viaggio abbastanza - travel blog

Seychelles - 2 settimane fai da te

Come organizzare un viaggio fai da te di due settimane alle Seychelles, quando andare, quali isole visitare, dove dormire e quanto costa la vita alle Seychelles

La spiaggia di Port Launay - Mahé

La spiaggia di Port Launay - Mahé

Le Seychelles sono un arcipelago composto da 115 isole che si trovano nell'Oceano Indiano, situate a nord est del Madagascar, e vantano alcune delle spiagge più belle e rinomate del mondo.

Quasi tutti i visitatori trascorrono la loro vacanza a Mahé, Praslin e La Digue, le isole con i migliori servizi per accogliere il turista.

Altre isole invece sono state privatizzate dalle grosse catene alberghiere, per cui si possono visitare solo se si alloggia in costosi e super lussuosi resort.

Prima colonia francese, poi inglese, Le Seychelles divennero una nazione indipendente nel 1976. Le influenze di entrambi i periodi coloniali sono evidenti, nella guida ad esempio (si guida a sinistra come nel Regno Unito) e nella lingua (quasi tutti parlano benissimo inglese e francese).

La cucina locale invece subisce influenze indiane e africane, dando vita a piatti creoli speziati e saporiti.

E' molto facile organizzare la vacanza da soli alle Seychelles, basta comprare il volo on-line, gli alloggi sui portali dedicati e affittare un'auto per girare in libertà sulle isole più grandi.

Questo è tutto quello che vi serve per godervi il vostro viaggio alle Seychelles.

Anse Major trail - Mahé

Anse Major trail - Mahé

Quando andare alle Seychelles

La buona notizia è questa: le Seychelles sono una meta visitabile in ogni periodo dell'anno. Per cui il nostro consiglio è quello di preparare le valigie e partire non appena si presenta la possibilità.

Noi ci siamo stati in estate (la nostra estate) e in base alla nostra esperienza possiamo affermare che agosto è un buon periodo per visitare le Seychelles, tuttavia non il migliore. Ecco il perché: il clima è perfetto, è la stagione secca e piove poco (anche se qualche acquazzone può capitare), non ci sono zanzare e c'è poca umidità. Il caldo non è afoso e le sere sono fresche e ventilate. Però il mare non è nelle condizioni migliori, a causa dei monsoni che soffiano da sud est. Per questo motivo può essere mosso, specialmente sulle spiagge esposte in quella direzione e/o senza barriera corallina. 

Ma alle isole delle Seychelles le spiagge non mancano e anche se a volte non siamo riusciti a fare il bagno a causa delle onde un po' troppo alte, è stato sufficiente spostarci in una delle spiagge esposte a nord ovest per trovare il mare calmo e bellissimo. Diciamo che in agosto non tutte le spiagge delle Seychelles sono adatte per fare il bagno, ma lo scenario che apparirà davanti ai vostri occhi sarà comunque stupendo.

Gli abitanti dicono che il periodo migliore per visitare le Seychelles sono i mesi di ottobre e novembre e quelli compresi tra aprile e giugno, per le perfette condizioni del mare e un clima piacevole.

Anse Takamaka - Mahé

Anse Takamaka - Mahé

Due settimane alle Seychelles - l'itinerario

Compreso il viaggio, abbiamo trascorso alle Seychelles due settimane esatte, volando con Ethiopian Airlines da Milano con scalo a Francoforte e ad Addis Abeba. Voi potete sicuramente trovare qualcosa di più comodo, noi abbiamo prenotato all'ultimo momento ed è andata così. Ethiopian Airlines comunque è una buona compagnia e i prezzi sono spesso competitivi. Provate a dare un'occhiata qui per le varie opzioni di volo.

Abbiamo deciso di trascorrere le prime 3 notti a Mahé, dove si trova l'aeroporto internazionale, poi ci siamo spostati a La Digue per 4 giorni e successivamente siamo stati a Praslin per altri 4 giorni. Infine abbiamo passato le ultime 2 notti a Mahé prima di rientrare in Italia. 

Posso dire di aver distribuito in maniera equa le giornate a nostra disposizione, anche se, avendo più tempo a disposizione, avrei trascorso più giorni a Mahè, perché è l'isola più grande e ci sono tante meraviglie da scoprire.

Per il dettaglio su cosa vedere sulle isole, vi rimando al prossimo post. 

Port Launay - Mahé

Port Launay - Mahé

I prezzi alle Seychelles

Il turismo è la principale fonte di ricchezza per il Paese e per questo motivo i prezzi alle Seychelles sono alti pressoché ovunque.

Un viaggio low-cost alle Seychelles non è impossibile, ma è necessario scordarsi tutte le comodità e rinunciare a qualche bella gita. 

Andare al supermercato, a ristorante, prendere un taxi o partecipare ad un'escursione costa caro. In media per una cena a base di pesce a ristorante, con del vino, si spendono sui 50€ a testa, le escursioni in giornata, con pranzo e trasporto, solitamente non costano meno di 100€ a testa. Un'auto a noleggio circa 40-50€ al giorno.  

Per questo motivo è importante valutare in anticipo il tipo di sistemazione in cui alloggiare o come muoversi nelle isole, e valutare bene le escursioni da fare e con che modalità. 

Anse Major - Mahé

Anse Major - Mahé

Dove dormire alle Seychelles

A Mahé e Praslin c'è un'ampia scelta di sistemazioni per la notte, che spazia dai resort più esclusivi e costosi agli appartamenti o guest house più modeste ma che sono pur sempre delle valide opzioni. La Digue invece, che dispone di un animo più hippie, non ospita grandi resort ma piccoli villaggi e graziose guest house.

Vi indico qui di seguito le nostre scelte per il pernottamento alle Seychelles, con il link diretto a Booking.com se volete vedere qualche foto o prenotare direttamente da lì.

Mahé: per i nostri primi 3 giorni a Mahé abbiamo scelto di soggiornare a Beau Vallon, località posizionata a nord dell'isola e perfetta per i soggiorni in agosto. Il mare è sempre calmo e la spiaggia molto grande. Abbiamo dormito al Romance Bungalows, struttura che mette a disposizione stanze con bagno privato vicino alla spiaggia, e il gentile personale prepara una buona colazione al mattino da gustare in terrazza.

Alla fine del nostro viaggio siamo tornati a Mahé per le ultime due notti e questa volta siamo stati a sud, in modo da vedere una parte diversa dell'isola. Abbiamo soggiornato al Takamaka Green Village, la sistemazione più carina di tutto il viaggio. I proprietari sono italiani, sono molto disponibili a fornire informazioni e dritte sull'isola e sui dintorni. La buona colazione è preparata al momento e si può anche cenare lì la sera se si avvisa al mattino. 

La Digue: qui abbiamo soggiornato al Gregoire's Apartment, una struttura che fa parte del La Digue Island Lodge. Pertanto è possibile accedere a tutti i servizi dell'hotel come la colazione, la piscina e utilizzare i teli mare e i lettini in spiaggia. Le stanze sono essenziali e il bagno un po' vecchiotto, ma tutto sommato è una buona soluzione.

Praslin: a Praslin abbiamo scelto una soluzione in self-catering, il Villa Bedier self-catering Apartments. Avevamo un appartamento con cucina che abbiamo utilizzato al mattino per prepararci delle super colazioni. Ottima la posizione sulla spiaggia di Anse Volbert.

Anse Cocos - La Digue

Anse Cocos - La Digue

Condividi post

Repost0

Commenta il post